Immaginette
Venerabile Don Raffaele Dimiccoli

Il Servo di Dio don Angelo Raffaele Dimiccoli nacque a Barletta il 12 ottobre 1887 e morì il 5 aprile 1956. Instancabile apostolo, animato da un ardente amore per Dio, ebbe per tutta la vita un unico movente propulsore: la carità verso i fratelli, bisognosi nello spirito e nel corpo. Ed è proprio a favore degli ultimi che, prediligendo un rione povero di periferia della sua città, inaugurò nel 1924 il “Nuovo Oratorio S. Filippo Neri”, fucina di vita cristiana per tanti bambini, giovani e adulti, oltre che vivaio di vocazioni sacerdotali e religiose. La sua fama di santità è in continuo crescendo e la sua tomba è mèta di visite da parte di chi lo ha
conosciuto e di chi invoca la sua protezione.

PREGHIERA
Dio, datore di ogni bene, che hai reso l’umile sacerdote Raffaele Dimiccoli padre premuroso di una moltitudine di figli e suscitatore di giovani generosi alla tua sequela, ascolta la nostra preghiera e dègnati di glorificare sulla terra il tuo servo fedele e concedimi, per sua intercessione, la grazia che ti chiedo nelle presenti necessità, fiducioso della tua bontà e onnipotenza. Amen.


  Preghiera  
  Santissima Trinità
che hai suscitato il tuo servo
Mons. Raffaele Dimiccoli
instancabile apostolo dei piccoli e dei bisognosi,
con insistenza ti supplichiamo di esaudirci
in questa particolare richiesta di grazia...
appellandoci ai suoi meriti
perché sia glorificato sulla terra.
Anche noi vogliamo glorificarti
seguendo i suoi esempi
e impegnandoci ad amare
la Chiesa come mistero
di comunione e di missione
le nostre famiglie
come casa di preghiera e di santità
ogni persona
come tempio della tua gloria
in particolare i ragazzi e i giovani
come la speranza del domani.
Ci soccorra in questo la Mamma del cielo
che il tuo servo fedele amò
con tenerezza di figlio. Amen.
Gloria al Padre…
Preghiera
Dio, datore di ogni bene, che hai reso l'umile sacerdote Raffaele Dimiccoli padre premuroso di una moltitudine di figli e suscitatore di giovani generosi alla tua sequela, ascolta la nostra preghiera e degnati di glorificare sulla terra il tuo servo fedele e concedimi, per sua intercessione, la grazia che ti chiedo nelle presenti necessità, fiducioso della tua bontà e onnipotenza.
Amen.
Gesù, Te solo voglio
Caro mio Gesù, troppo mi hai obbligato ad amarTi, troppo Ti è costato il procurarTi il mio amore; io sarei troppo ingrato se Ti amassi poco o dividessi il mio cuore tra le creature e Te, dopo che Tu mi hai dato il sangue e la vita. Io voglio staccarmi da tutto e solo in Te voglio mettere tutti gli affetti miei.
Ferisci, amato mio Gesù, il mio povero cuore col dolce dardo del Tuo amore, affinché io languisca sempre per desiderio di Te, Te solo brami e Te sempre ritrovi. Fa' che io ripeta in vita, e specie nell'ora della morte mia: Te solo voglio e niente più.
O Maria, Madre mia, fa' che da oggi in avanti io non voglia altro che Dio.

Don Raffaele Dimiccoli
Santifica il dolore!
Signore Gesù, che hai mostrato agli uomini il tuo Cuore, sormontato da una croce, trafitto, coronato di spine, per farci comprendere che nulla Ti è caro come il dolore, dammi la grazia di amare la mia sofferenza.
Credo, o Signore, che Tu infinitamente mi ami e col dolore vuoi farmi più santo e più utile al mondo. Il mio quotidiano sacrificio purifichi ed elevi la mia vita e mi faccia un'ostia viva, pura, gradita alla tua maggiore gloria. Il mio patimento valga a portare un palpito del tuo Cuore, ricco di perdono e di salvezza eterna, a tutta l'umanità e sia propizio suffragio alle anime sante del Purgatorio.

Don Raffaele Dimiccoli
Sito a cura della Commissione Cultura e Comunicazioni Sociali dell'Arcidiocesi.
2003 - Editrice Rotas - Tutti i diritti sono riservati.